la giostra

la giostra gira nella sera lattiginosa di un passato senza presente, di un presente senza passato…la provincia lombarda è così, sembra la Genova di "con quella faccia un po' così, quell'espressione un po' così che abbiamo noi…" il cavalluccio gira, gira senza lo straccio di un bimbo che riempia la  solitudine di quel legno dipinto, guardo il lento attorcigliarsi su se stessa della piccola giostra, che sembra avvilupparsi come un filo intorno ad un fuso…"e mi sovvien l'eterno, e le morte stagioni e il suon di lei…". Devo girare a destra, metto la freccia come un automa, non so neppure se qualcuno mi segue…e realizzo che la vita ormai è lì davanti a me, bruciata come un bastoncino profumato comprato alla fiera delle illusioni perdute…ormai ho girato a destra, non posso più tornare indietro: ho imboccato il viale che porta a casa, guardo la mia rassegnazione defluire lentamente, insieme a questo scampolo di vita; non riesco mai a vedere il fondo di quel  viale…ma tant'è, se la morte è "un vizio assurdo, una vana parola, un grido taciuto, un silenzio"…
la giostraultima modifica: 2007-03-28T22:07:32+02:00da miclos
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “la giostra

  1. Quella barzelletta è troppo forte caro Marco, però tu sei stato molto elegante nel raccontarla, qui a Napoli finisce che il tizio agitando la gamba che è stata afferrata dal sepolto vivo gli grida ” e t’hanno nterrat manc a chiavica!!” o) devo tradurre?!? Mi dispiace però che questa espressione così volgare abbia stonato con questi meravigliosi versi…bello veramente questo post, talmente bello che l’ho letto più di una volta. Un abbraccio e un augurio di una splendida giornata. Daniela

  2. “un vizio assurdo, una vana parola, un grido taciuto, un silenzio”…DI chi sono questi bei versi? Come anche questi:…”e mi sovvien l’eterno, e le morte stagioni e il suon di lei…”. Sai che amo molto la poesia vero? Sai che rimango incantata dalle parole vero? E devo dirti che questo tuo racconto è bellissimo,davv ero credimi…c’è davvero molta parte di te,di come ti immagino.Questo forse è il più bel post che hai scritto,per quel che può valere la mia opinione.Ma lo trovo bello nella sua dolce malinconia.Ros

  3. Salve amici. Mi scuso innanzitutto per il copia-incolla, ma ci terrei ad invitarvi a commentare un mio scritto oggi pubblicato sul blog “Manuale di Mari”. Lo so che è da tanto che non bazzico da queste parti, ma essendo butterfly una creatura di Virgilio, non posso non mettervi a conoscenza di questa iniziativa. Chiedo venia per l’assenza…ma considero questo come un momento per ritrovarci…anco ra. Un bacio affettuoso a tutti….butterfl y

Lascia un commento