L’illogica allegria

Da solo lungo l'autostrada
alle prime luci del mattino…
a volte spengo anche la radio
e lascio il mio cuore incollato al finestrino…

Lo so del mondo e anche del resto,
lo so che tutto va in rovina…
ma di mattina, quando la gente dorme
col suo normale malumore,
può bastare un niente,
forse un piccolo bagliore,
un'aria già vissuta,
un paesaggio, che ne so…

E sto bene…
e sto bene come uno quando sogna…
non lo so se mi conviene
ma sto bene, che vergogna…
Io sto bene…
proprio ora, proprio qui…
non è mica colpa mia,
se mi capita così…

E' come un'illogica allegria
di cui non so il motivo,
non so che cosa sia…
E' come se improvvisamente
mi fossi preso il diritto
di vivere il presente…

Io sto bene…
na na na na na na na
questa illogica allegria
proprio ora, propio qui…

Da solo lungo l'autostrada
alle prime luci del mattino…

                                          (G.Gaber)

L’illogica allegriaultima modifica: 2006-01-22T12:00:47+01:00da miclos
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “L’illogica allegria

  1. ciao m. grazie di ciò, io ti ho linkato subito, sarà che i gemelli sono particolarmente intuitivi nel riconoscere dove sta la sostanza e il tuo blog lo dimostra, la tua coerenza, la tua misura nel dire le cose e non ultima la tua sensibilità, hai ragione che i bloggers di dividono in 2 cat. l’avevo già capito e molti sono inutili e vuoti, spesso faccio un giro nei recenti e smetto quasi subito, perchè rimango disorientata e delusa dal vuoto di argomenti, o argomenti solo scabrosi per farsi notare, notare di cosa mi chiedo di essere stupidi e volgari ma è facilisimo essere così, solo perchè sono sotto a un insensato nick, per fortuna conosco te e altri che mi compensano ogni giorno di belle emozioni, di argomenti validi, per cui ti ringrazio e ringrazio quelli come te, che sannno cosa vogliono dire e quando non lo sanno preferiscono tacere, grazie per gaber quando scrivo qualcosa per favore che non sei daccordo sei pregato di dirmelo sempre lieta di conversare con te. Buona domenica anche a te mil

Lascia un commento