premi di maggioranza ed altre simili amenità

…quando si avvicinano le elezioni politiche i nostri cari governanti scatenano la loro fantasia per stupire i malcapitati elettori con ricchi premi e cotillons; se poi questi premi sono di maggioranza, anziché essere premiati noi da parte loro, dovremmo essere noi a premiare chi darebbe in pasto la madre ai cinghiali pur di occupare uno scranno in Parlamento o a Palazzo Chigi; insegno ai miei alunni che nella storia dell'Italia post-unità, i sistemi elettorali si sono alternati come il prezzemolo ed il basilico negli intingoli della nouvelle cousine
Una sorta di sistema proporzionale con premio di maggioranza già esisteva all'epoca del primo Parlamento italiano del 1861; nel 1919 fu introdotto il maggioritario, ma senza premio; Mussolini reintrodusse, con le lelezioni del 1924, un generoso premio di maggioranza per assicurarsi a vita l'occupazione delle Camere; dopo la liberazione il primo Parlamento repubblicano reintrodusse il proporzionale senza premio; ma nel 1953 la DC, volendo assicurarsi la maggioranza assoluta alle elezioni, tentò di reintrodurre il famigerato premio, che non passò per l'indignazione popolare, tanto da essere battezzato Legge truffa il maldestro tentativo democristiano. Finalmente, in tempi più vicini a noi, i nostri cervelloni hanno tolto dal cilindro "il maggioritario con correzione proporzionale", in nome della governabilità e della stabilità del Bel paese (sic!); ma siccome i tre quarti di maggioritario insieme al quarto di proporzionale si è rivelato un compromesso all'italiana che non accontenta nessuno, eccoli tornare alla carica con l'ineffabile proposta, a sei mesi dalle elezioni, di un "proporzionale con sbarramento alla tedesca" (ed infatti dopo le recenti elezioni la Germania non si sa come farà a mettere insieme uno straccio di governo) ma, udite udite, con premio di maggioranza: il che significa che i partiti minori dovrebbero immolarsi per premiare con i pochi voti racimolati i grandi in cambio di qualche poltroncina…insomma, nella giostra dei sistemi elettorali made in Italy,  il giostraio grida: Avanti signori, altro giro, altro regalo!
premi di maggioranza ed altre simili amenitàultima modifica: 2005-09-19T16:54:03+02:00da miclos
Reposta per primo quest’articolo

13 pensieri su “premi di maggioranza ed altre simili amenità

  1. Chissà, ci può essere saggezza anche nel lasciarsi trasportare dentro una giornata diversa… ogni tanto, un regalo, una sorpresa, per riprendere fiato, o no;-)
    Lo so dovrei commentare questo post sul sistema elettorale, esauriente e lucido, ma oggi, dopo avere ascoltato un altro esempio di mezzucci all’italiana (polemica sui pacs – si dice così?) sono un po’ stomacata. Buona serata, M.L.

  2. Hai seguito Ballarò questa sera? Bellissimo Gene Gnocchi!!!
    Delle giostre e giostrine meglio diffidare. Si fa presto a salire, ma anche a precipitare!!!
    Il mio non è un refugium peccatorum, o forse sì… Ora mi si insinua il sospetto!
    Un saluto notturno. Ilia

  3. Ascolta carissimo ,è appena inisìziato il nuovo “tema” su quellicomenoi, ti và di raccontarmi i tuoi 5 sogni più grandi?? mettili in fila,in riga,in poesia…..come vuoi….( per sogni intendo,comprar e una casa,trovare un nuovo amore,ritrovare un’amica,fare un viaggio…capit o il senso??? ) behh ti aspetto,ci conto…..kisss s Rosanna
    (scusa il mess copiato incollato)

Lascia un commento